CINEMA   SPADARO

Si accettano i buoni "Io vado al cinema"

Biglietti di ingresso

Biglietti di ingresso - CINEMA   SPADARO

Poltrona euro 5, *** Ridotto euro 4, *** Martedi euro 3 *** Mercoledi donne euro 3,50, *** Studenti e anziani da lunedi a venerdi euro 3 *** Riduzione dal lunedi al venerdi ai possessori di card Grande Cinema 3, Ikea e Nectar

Sul grande schermo un'altra emozione

Sul grande schermo  un'altra emozione - CINEMA   SPADARO

This cinema is equipped with

This cinema is equipped with - CINEMA   SPADARO

CINEMA   SPADARO

CINEMA   SPADARO

CINEMA   SPADARO

CINEMA   SPADARO

CINEMA   SPADARO

CINEMA   SPADARO

Studenti dal lunedi al venerdi ridotto € 3

CINEMA   SPADARO

CINEMA   SPADARO

CINEMA   SPADARO

Portatori tessera Nectar riduzione dal lunedi al venerdi

CINEMA   SPADARO

“Il 2° Mercoledì del mese a 2 euro” SUPERPROMOZIONE “Cinema2day"

SUPERPROMOZIONE CINEMA2DAY
“Il 2° Mercoledì del mese a 2 euro” SUPERPROMOZIONE  “Cinema2day" - CINEMA   SPADARO

                         “Mercoledì a 2 euro”,

nuova campagna promozionale che porterà il nome di “Cinema2day” presentata alla presenza del ministro Franceschini con la conferenza stampa veneziana e con la presentazione ufficiale dello spot in occasione della serata inaugurale  della  73. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia.

 

Ogni secondo mercoledi  del mese a partire da settembre fino a gennaio una super riduzione per lo spettacolo cinematografico.

SUPERSIZEME e presentazione delle Linee guida per una sana alimentazione

SUPER SIZE ME
SUPERSIZEME e presentazione delle Linee guida per una sana alimentazione - CINEMA   SPADARO

Super size me

Titolo originale:  Super size me
Nazione:  U.S.A
Anno:  2004
Genere:  Documentario
Durata:  98'
Regia:  Morgan Spurlock
Sito ufficiale:  www.supersizeme.com
 
Cast:  Morgan Spurlock
Produzione:  The Con
Distribuzione:  Fandango

Cosa succederebbe al nostro fisico se mangiassimo tutti i giorni e per un mese da McDonald's? Una inchiesta straordinaria, girata sulla propria pelle, sull'economia della carne. L'economia dell'occidente.

 

 

Perché gli americani sono così grassi?
Scoprilo con SUPER SIZE ME, un modo ironico e intelligente di guardare ai costi economici, legali e fisici della voglia di fast food che hanno gli americani e non solo loro. Che si ami o che si odi il fast food è qui per durare: veloce, accessibile, economico e gratificante. Soddisfa una necessità tipica del movimentato stile di vita dei giorni nostri. Ma a quale costo?
In America circa il 37% dei bambini e degli adolescenti sta diventando troppo grasso e due adulti su tre sono in sovrappeso od obesi. È a causa della nostra mancanza di auto controllo, o è colpa delle catene di fast food?
Il regista Morgan Spurlock ha intervistato esperti in 20 città degli Stati Uniti, inclusa Houston, la "città più grassa" d'America. Dai Direttori Generali Federali della Sanità agli insegnanti di ginnastica, ai cuochi, ai legislatori, queste autorità hanno parlato delle loro ricerche ed espresso le loro opinioni e "intuizioni" in relazione all'espandersi ad oltranza del nostro girovita.


Durante questo viaggio, Spurlock ha anche messo a repentaglio la propria salute, cibandosi unicamente da McDonald's per un mese intero, seguendo semplici regole:
1) Niente alternative: poteva mangiare solo ciò che era disponibile sul menù (acqua inclusa!)
2) Nessuna maxi porzione se non in offerta.
3) Nessuna scusa: mangiare tutti i piatti offerti dal menu almeno una volta.
4) Nessun salto: tre pasti al giorno: colazione, pranzo e cena.


E così ha fatto. E come è aumentata l'immissione di fritto e di cibi ricchi di sodio, allo stesso modo ha fatto il suo tasso di colesterolo, e quella che era iniziata come una divertente e spensierata esperienza gradualmente è diventato un serio problema per la sua salute, il tutto a dispetto delle proteste della sua fidanzata, uno chef vegetariano. A tutto questo bisogna aggiungere un costo decisamente "grasso", strazianti visite dal dottore ed un interessante studio per tutti coloro che si sono domandati se si possa vivere solo mangiando ai fast food.

Il film denuncia l'orrore dei menù scolastici, il declino dell'educazione fisica nelle scuole, la piaga della dipendenza dal cibo e i provvedimenti estremi che la gente deve prendere per perdere peso e riacquistare la linea e la salute.


Super Size Me è un "divertente" pugno nello stomaco, sostenuto da elementi e fatti riguardanti quest'industria da milioni di dollari, criticata da dottori, avvocati e nutrizionisti.
"Gradisce anche le patatine?" non suonerà mai più come una volta.

 

Super size me LA RECENSIONE DI ANDREA D'ADDIO
Per noi italiani è difficile pensare ad un'alimentazione fatta essenzialmente di cibo fritto e carne geometrica. Ancora protetti per fortuna (ma il trend tende al peggio) dalla nostre tradizioni mediterranee, il MacDonald's è giusto un diversivo che ci si concede ogni tanto al pari di dolciumi e schifezze varie. Negli Stati Uniti, e sempre più nel resto del mondo, non è invece questa la concezione che si ha del famoso marchio rosso e giallo. Vuoi per una vita sempre più frenetica che concede poco tempo al mangiare, vuoi per l'economicità del pasto offerto, vuoi per il suo gusto comunque apprezzabile ricco di aromi e dolcificanti, il fast food è ormai una vera macchina da guerra all'interno del mercato della ristorazione grazie alle moltissime persone che fanno dei loro "cuochi" quelli preferiti...

Nel 2002 un paio di ragazze citarono in giudizio McDonald's. "Se siamo obese", affermavano "è colpa sua". Uno dei punti a favore della difesa del "celebre Roland" fu che non c'erano prove che ad un'alimentazione esclusivamente fast-food conseguissero effetti simili. Fu per constatare questa "intelligente" osservazione che lo scrittore e produttore Morgan Spurlock (fino ad allora noto soprattutto nel circuito televisivo USA) decise di diventare la cavia di un esperimento tendente al suicidio (se non reale, sicuramente mentale): un mese di solo McDonald's autoimponendosi queste quattro, "semplici", regole:
1)Niente alternative: mangiare solo ciò che è disponibile sul menù
2)Nessuna maxi porzione a meno che non venga offerta
3)Nessuna scusa: mangiare tutti i piatti proposti dal menu almeno una volta
4)Nessun salto: tre pasti al giorno: colazione, pranzo e cena.

A differenza di altri documentari (vedasi "The corporation", di cui consiglierei la visione in rapida successione) Spurlock ha il grosso merito di partire da un racconto per parlare di un fenomeno sociale adesso grave e in prospettiva gravissimo. Con ironia e falsa ingenuità, Spurlock fa di se il prototipo dell'americano (e occidentale) medio, operando un'immedesimazione talmente puntigliosa da apparir grottesca. Grazie a lui viviamo il crescente disgusto verso un tipo di alimentazione i cui effetti troppe volte vengono taciuti grazie a subdole strategie di marketing.
Un montaggio accurato che evita ripetitività di concetti già espressi, nonché una chiusura chiara e inequivocabile sulla questione, fanno di questa pellicola un esempio di film denuncia adatto al grande pubblico, al quale quindi non si può non consigliarne la visione.

La frase: "Chi se ne frega di che cosa sia una caloria, io mangio quando ho fame punto e basta!"


SUPER SIZE ME Le opinioni da Filmup

SUPER SIZE ME   Le opinioni da Filmup - CINEMA   SPADARO

bel docu-film

(8/10) Voto 8di 10

Un docu-film che fa pensare come ogni giorno l'uomo "occidentale" si distrugga la salute contemporaneamente mantenendo una serie di multinazionali specializzate in cibo-spazzatura. Drammatiche le scene di "astinenza" e impressionante (almeno per me) l'operazione al tipo con il diabete. Molto utile e molto ben fatto. Voto 8

massimo, 42 anni, treviso.


Molto interessante

(8/10) Voto 8di 10

Molti sono convinti che McDonald's voglia dire "grassi". Ci può stare, ma attenzione: c'è di peggio. Vale a dire "zuccheri" e "caffeina". Contenuti guarda caso in cosa?!? Nella Coca-Cola. Sostanze che sviluppano dipendenza. Chi ha apostrofato il protagonista dicendo che ha scoperto l'acqua calda (mangiando sempre da McDonald's ingrassi e stai male), probabilmente ha guardato il film con un occhio solo, perdendosi TUTTI i retroscena. Ad esempio: le analisi del sangue deliranti dopo soli venti giorni, la carenza di interi gruppi vitaminici, colesterolo e trigliceridi a palla, e soprattutto: i McNuggets, tanto buoni (piacciono anche a me), ma prodotti in una maniera agghiacciante.  A questo aggiungiamoci il fatto che il ragazzo si sentiva triste quando non scofanava da McDonald's da qualche ora, che arrivava in piena notte a provarne il desiderio, e anche il delirio delle porzioni "super size": un litro di Coca-cola, 250 grammi di patate fritte, l'incubo di ogni nutrizionista. Poi, guardando con l'occhio del consumatore medio, non si può fare a meno di trovare avvilente e patetico il comportamento di queste multinazionali che abusano letteralmente della loro fortuna. Pensano solo ad espandersi a dismisura mettendo come ultimo anello della catena la qualità del venduto. Perchè comunque sanno che possono contare sulla dipendenza creata da zuccheri e caffeina (sostanze che comunque ti fanno "stare bene"), senza badare al lavoro che queste sostanze costringono al fegato. Adesso è il caso di dire che questi colossi hanno scoperto l'acqua calda, e che qualche anno di difficoltà economiche non gli farebbe male, per ravvedersi un attimo.

Walter, 32 anni, Milano (MI).


Da vedere !!

(9/10) Voto 9di 10

Questo "documentario" non dice niente di nuovo a coloro che hanno avuto una corretta educazione alimentare. Mangiare da zio Mac fa male, non ci sono dubbi su questo!La cosa interessante della pellicola è lo spunto di riflessione sull ignoranza largamente diffusa sulla natura dei Mac cibi. E' assurdo che nel 2008 l'alimentazione "on the road" a livello mondiale sia affidata a queste catene, simbolo del crescente degrado dell'uomo occidentale, e non solo, dipendente da zucchero e caffeina. Lo consiglio a tutti!

Stefano, 28 anni, Roma (RM).


good job!

(9/10) Voto 9di 10

Oddio!questo tipo è folle ma l'ho adorato.ha messo a rischio la sua vita per dare un messaggio alla gente -non credo per i soldi,è un documentario-. mi ha molto colpito, è un film forte che deve far riflettere sulla situazione. e' vero che il mcdonald non fosse un toccasana si è sempre saputo ma qui ti si sbatte in faccia la cruda realtà con una violenza che deve fare innescare qualcosa nel cervello di tutti,o così si spera. e non è solo di cibo che si parla, c'è anche la speculazione operata dalle multinazionali,la pubblicità che inganna la gente. e' chiaro che il regista ha voluto estremizzare (e inoltre ribadisce che la responsabilità è soprattutto individuale, ma il contesto sociale che fa nascere scelte individuali così sbagliate), ma il suo esperimento non si allontana molto dal regime alimentare di molti americani.il film diventa così un'analisi della società americana afflitta da mali come l'obesità e spero funga da monito per tutti coloro che vedono questa società come modello. soprattutto in materia di cibo, manteniamo le nostre tradizioni!non ho mai adorato il mcdonald ma dopo questo non vorrò annusare manco più le patatine! sto cercando di convincere tutti i miei amici a fare altrettanto ma anche quelli che hanno visto il film sono restii ad abbandonare il mcfood..assurdo!.. consigliato a tutti, anche ai bambini con dovute spiegazioni.

Ilaria, 17 anni, Brindisi (BR).

E' STATA RICHIESTA LA PROGRAMMAZIONE DI SUPER SIZE ME

Trailer USA di Super Size Me
E' STATA RICHIESTA LA PROGRAMMAZIONE DI SUPER SIZE ME - CINEMA   SPADARO

 

E' STATA RICHIESTA LA PROGRAMMAZIONE DI

SUPER SIZE ME  

 

 

MORGAN SPURLOCK regista e produttore di SUPERSIZEME.
Nato nel West Virginia Ovest, Spurlock è un premiato scrittore, regista e produttore. Laureato alla Tisch School of the Arts, ha ideato più di 60 progetti durante i suoi 12 anni di esperienza nel settore della comunicazione. Dalla pubblicità ai video musicali agli show televisivi, Spurlock ha lavorato per MTV, ESPN, NBC, FOX, TNT, VH–1, Sony e MCM Records. E' anche il fondatore di The Con, società di produzione con sede a New York, che nel 2000 ha creato lo show via internet "I Bet You Will" che, per la prima volta, nel 2002, è diventato uno show televisivo su MTV.
Super Size Me è il suo primo lungometraggio.
Super Size Me è il viaggio di un uomo nel mondo dell'aumento di peso, dei problemi di salute e del fast food.
È un'inchiesta sullo stile di vita americano e su come stiamo mangiando fino a morirne.
Morgan Spurlock era seduto sul divano della sua casa d'infanzia nel West Virgina nel giorno del Ringraziamento 2002 con la pancia piena di tacchino e di tutti i suoi condimenti, quando l'idea di Super Size Me ha cominciato a prendere forma "Dopo il pranzo ero sazio e stavo guardando il telegiornale quando ci fu un servizio su due ragazze che citavano in giudizio McDonald's.
Chiamai immediatamente Scott (Ambrozy, direttore della fotografia) e gli raccontai la mia idea. Quando ebbe finito di ridere mi disse "Questa è veramente una gran cattiva idea!
Al mio rientro a New York era già partita la lavorazione del film. Ho sempre desiderato che il mio primo film fosse qualcosa di diverso, fuori dagli schemi e originale. Spero di aver realizzato tutto questo con Super Size Me.
È partita come un'esperienza divertente, il primo giorno di lavorazione ero felice, ma andando avanti la realtà di cosa questo cibo mi stesse facendo veramente viene rappresentata sullo schermo.
I giorni non passavano mai, non vedevo l'ora di arrivare alla fine. In tot ale abbiamo realizzato circa 250 ore di riprese, viaggiato più di 25000 miglia e realizzato il film dal suo concepimento alla sua uscita in sala in meno di un anno, e in più siamo riusciti a portarlo al Sundance! Spero vi piaccia, molto dolore e sofferenza (in gran parte miei) sono stati sopportati per crearlo."

"Un film provocatorio e illuminante che dovrebbe essere mostrato in tutte le scuole del paese e a tutti i genitori"
Richard Roeper – Chicago Sun–Times
 
"Magnificamente sovversivo"
The Hollywood Reporter
 
"Ti cambia la vita"
The Toronto Star
 
"Divertente e profano"
The Boston Globe
 
"Il Bowling of Columbine sui fast food"
Fox News
 
"Super Size Me ha il potenziale
per diventare un fenomeno culturale"
Variety
 
"Tanto divertente quanto allarmante"
Eric D. Snider (critico cinematografico)
 
"Illuminante. Educativo. Divertente."
eFilmcritic
 
"Un inno agli eccessi alimentari americani"
Eric Childress (critico cinematografico)
 
"Spassoso e spesso spaventoso"
Film Threat

PRENOTATE IL VOSTRO INGRESSO

Questo evento avrà luogo solo se verrà raggiunto il quorum richiesto

 

 

 

COME FUNZIONA MOVIEDAY (collegati a www.movieday.it)

Movieday è una piattaforma web che consente a chiunque di organizzare proiezioni nelle sale cinematografiche.

COME PARTECIPARE AD UN EVENTO

Semplicissimo, basta guardare gli EVENTI che i tuoi amici o altri utenti di Movieday hanno creato, e riservare subito il tuo biglietto. Ogni evento deve raggiungere entro una deadline una soglia minima di partecipanti affinché la proiezione venga confermata. Se la soglia è raggiunta, riceverai il biglietto online e potrai partecipare all’evento!

COME CREARE IL TUO EVENTO

Basta compilare il nostro form. Ma prima leggi attentamente le istruzioni qui sotto per fare in modo che il tuo evento sia un successo.

1. Clicca su CREA UN EVENTO e compila il form (su www.movieday.it) :

- Scegli il film che desideri dal nostro catalogo.

- Scegli la città e il cinema

- Scegli il giorno e l’ora

- Guarda la soglia per la conferma e la deadline: Movieday ti dirà qual è il costo del biglietto ed il numero minimo di partecipanti necessari affinché la proiezione venga confermata (questo valore varia in relazione al giorno, all’ora e al tipo di sala che hai scelto). La deadline serve a Movieday per gestire gli aspetti tecnici e per spedire il film al cinema alcuni giorni prima della proiezione.

- Rendi speciale il tuo evento, descrivendo il motivo della proiezione ed eventuali eventi collaterali: un regalo di compleanno, una proiezione per bambini, un omaggio a un regista, un dibattito intorno a un tema della tua associazione, o molto altro…

- Inserisci i tuoi dati e salva l’evento! Entro due giorni lavorativi ti contatteremo per darti la conferma.

2. La tua Pagina Evento

- A questo punto il tuo evento è online e sarà visibile a tutti. Potrai invitare i tuoi amici a partecipare, condividendolo sui tuoi social network o via email. Tutti i biglietti dovranno essere prenotati online sulla piattaforma di Movieday.

3. Spargi la voce! Per ogni aspetto organizzativo sarà Movieday ad occuparsene, tu dovrai pensare solo a trovare un po’ di amici che partecipino al tuo evento!

Ma se lo fai prima di creare l’evento, è meglio :)

 



ATTIVO ON LINE SERVIZIO PREVENDITA GRATUITO

https://solo.sh/cinespadaro/4.00

PER PRENOTARE E RISERVARVI IL POSTO PER LE PROIEZIONI

RITIRERETE AL BOTTEGHINO I VOSTRI BIGLIETTI D'INGRESSO A PREZZO RIDOTTO € 4

 

SE VOLETE ELIMINARE LE CODE ED USUFRUIRE DI UNA RIDUZIONE

CLICCATE ANCHE  SUL PULSANTE AGGIUNGI AL CARRELLO E
PRESENTATE AL BOTTEGHINO LA RICEVUTA DEL VOSTRO PAGAMENTO
CHE RICEVERETE NELLA VOSTRA EMAIL

 

 

 

Questa sala è stata digitalizzata grazie all'intervento della Regione

Siciliana - Dipartimento del Turismo, dello Sport e dello Spettacolo,

nell'ambito del programma Sensi Contemporanei

 - CINEMA   SPADARO
  • 04/12/2016 07:04
  • Invia a un amico